INSERIMENTO MATERIA A SCELTA ENTRO IL 10 GIUGNO 2016

In ottemperanza alla Delibera del Senato Accademico del 9 maggio 2016 e al D.R. n. 1457 del 13/05/2016 si comunica che gli studenti che non hanno partecipato o non parteciperanno a seminari già autorizzati entro l’8 maggio 2016 dai CCS per acquisire i CFU inerenti alle Attività a Scelta potranno chiedere di inserire sul proprio piano di studi uno o più insegnamenti tra quelli attivati in Ateneo, presentando entro il 10 giugno 2016 presso le Segreterie Studenti  – Ed. 3 Viale delle Scienze la relativa richiesta.

http://www.unipa.it/amministrazione/area1/ssp10/.content/file_pdf_nuovo_sito/Modulo-Navetta.pdf

Senato Accademico 25/05: news calendario didattico e lauree

Nella seduta odierna del Senato Accademico, nello spazio dedicato alle interrogazioni, i rappresentanti in senato Stefano Di Gangi e Giuseppe Bonanno hanno posto tre interrogazioni al Rettore:

  • una deroga per tutti gli studenti che alla data del 20 maggio non sono riusciti a rinnovare il bollettino delle tasse di laurea, il Rettore risponde di fare istanza alle segreterie studenti.
  • Questione ancora più importante invece è il servizio limitato che da oggi in poi riceveranno i nostri colleghi diversamente abili. Il servizio di trasporto e di assistenza erogato dall’ormai Ex Provincia, sarà confinato solo alla città di Palermo. Tutto ciò è una grave lesione al diritto allo studio, confidiamo nella piena concertazione tra Regione, Comuni e Università affinché non siano sempre i più deboli a pagarne le conseguenze.
  • È stata riprospetta attraverso un’interrogazione sulla questione del calendario didattico approvato nella seduta del 9 Maggio scorso, sulla base anche degli indici di gradimento degli studenti pervenuti dal Nucleo di Valutazione, abbiamo chiesto al Rettore se si potesse rivedere la delibera.
    Il Magnifico Rettore ribadendo la sua posizione, apre a possibili modifiche in itinere che si rendessero necessarie.

Run Palermo

Onda universitaria

Vivere Ateneo

Uniattiva

Nrg

Laureandi a cui mancano crediti per completare attività a scelta: ecco cosa fare!

A seguito della delibera di sanatoria dello scorso 13 maggio che sana le attività seminariali, laboratori e workshop deliberati dai consigli di corsi di laurea prima del 9 maggio 2016 ma anche che, di fatto, impedisce lo svolgimento di ulteriori attività con rilascio crediti (almeno per quei corsi di laurea in cui non sono previste attività a scelta di tipologia F), ci sono diversi studenti laureandi in Ateneo, 225 nello specifico, a cui mancano crediti (3 nella maggior parte dei casi) per completare e colmare le attività formative a scelta e concludere così il proprio percorso accademico. Gli stessi non possono naturalmente inserire una materia manualmente  e autonomamente dato che la prossima sessione di modifica del piano di studi sarà ad ottobre. C’è comunque una via alternativa da seguire: ci è stato comunicato di esporre il vostro caso innanzitutto al coordinatore/presidente del vostro corso di laurea (es. Patrizia Lendinara per Comunicazione, Gioacchino Lavanco per Educazione, Giulio Gerbino per Servizio sociale ecc) e con il docente con cui intendete svolgere la materia, in modo da concordare come poter procedere. Infine recarsi dalla dottoressa Maria Di Grigoli, responsabile dei servizi di segreteria per modificare in via del tutto eccezionale il proprio piano di studi.

Ci teniamo a sottolineare, infine, che questa possibilità porta anche la nostra firma essendo stati tra i promotori della richiesta in sede di Senato Accademico.

Per ulteriori informazioni potete iscrivervi al nostro gruppo per i laureandi di luglio 2016 della Scuola delle scienze umane che trovate qui.

 

I ragazzi della Run Palermo

 

Ricorso per il rimborso della tassa di iscrizione e dei contributi universitari: PROROGA CONSEGNA MODULI

Si avvisano gli Studenti che il termine ultimo per la consegna delle istanze di richiesta di rimborso della tassa d’iscrizione e dei contributi universitari per gli anni accademici 2014/2015 e 2015/2016 è stato prorogato alla data di Venerdì 27 maggio 2016.

Ricordiamo che possono partecipare al ricorso tutti gli appartenenti ad una fascia di reddito superiore alla fascia zero, che abbiano partecipato al concorso Ersu, risultando idonei o vincitori.

Sarà possibile consegnare la propria istanza presso una delle seguenti aulette:

– Auletta Vivere Ateneo (secondo piano sopra il bar di Ingegneria) – Auletta Vivere Architettura (scendendo le scale di Architettura sulla destra)
– Auletta Butterfly – RUN di Ingegneria (terzo piano sopra il bar di Ingegneria)
– Auletta RUN Giurisprudenza – Auletta Onda Universitaria (accanto copisteria di Ingegneria)
– Auletta UniAttiva (Lettere – Edificio 12)
– Auletta NRG
– Nuova Realtà Giovanile (terzo Piano sopra il bar di Ingegneria)
In allegato all’istanza, è necessario consegnare una copia della carta d’identità e una copia della ricevuta di pagamento del MAV. In caso di smarrimento della ricevuta, sarà possibile scaricarne una copia dal proprio portale studenti.
Nel caso in cui si fosse già consegnata l’istanza, sarà possibile inoltrare i documenti tramite il format accessibile dal seguente link:
http://www.avvocatoleone.com/rimborso-delle-tasse-universita/
Presso lo stesso, è possibile scaricare il modulo d’istanza, da consegnare presso le aulette sopra citate.
Per coloro i quali non siano in possesso del codice iban (presente fra i dati richiesti dalle istanze), l’invito è quello di procurarselo, in via alternativa proveremo a cercare altre soluzioni.

Run Palermo

Vivere Ateneo

Onda Universitaria

NRG – Nuova Realtà Giovanile

Coordinamento UniAttiva

Resoconto Consiglio S. Comunicazione: questione seminari laureandi, mutuazioni insegnamenti e…

Oggi si è riunito il Consiglio di coordinamento delle classi di laurea in Scienze della Comunicazione. Come di consueto, i rappresentanti Run in Consiglio vi riportano un resoconto di quanto discusso:

questione cfu seminari: in Consiglio si è data lettura e presa visione del decreto rettoriale con il quale venerdì scorso si ufficializzava la sanatoria per tutte le attività deliberate dai consigli di corsi di studio entro il 9 maggio 2016. Nel nostro caso specifico, tutti i seminari appena conclusi (seminario Catalisano) o quelli in svolgimento (ciclo di seminari Cavallini) sono stati approvati abbondantemente prima del 9 maggio per cui i crediti convalidati saranno utili per colmare le attività a scelta. Ci sono però studenti laureandi che, non potendo più maturare la frequenza di seminari (non sarà più possibile rilasciare crediti, a parte le attività già approvate, quindi fino ad esaurimento) e dovendo colmare le attività formative a scelta, si trovano in difficoltà per completare il proprio percorso accademico. Gli studenti in questa situazione sono 225 in tutto l’Ateneo. Cosa fare? Rivolgersi alla dottoressa Maria Di Grigoli, responsabile dei servizi di segreteria per modificare in via del tutto eccezionale il proprio piano di studi, e parlarne sia con il coordinatore dei corsi di laurea in comunicazione, prof.ssa Patrizia Lendinara e con il docente con cui intendete svolgere la materia, in modo da concordare come poter procedere. Sottolineiamo che questa possibilità porta anche la nostra firma essendo stati promotori della richiesta in sede di Senato Accademico;

– dal prossimo anno accademico verrà rivista la divisione semestrale della materie. Il coordinatore ha sottolineato come ci siano degli scompensi di carico didattico tra I e II semestre e che è necessario, e ha la priorità, anteporre le esigenze degli studenti e non quelle dei docenti;

mutuazioni materie e bandi per insegnamenti scoperti: anche il prossimo anno sociologia dell’amministrazione (prof.re Badami, L20 media), verrà insegnata in sinergia tra primo e terzo anno; per il prossimo a.a. verranno messe a bando le due economie (I e II, l20 media ed lm59), dato che il prof.re Fazio e Iannolino non hanno più dato disponibilità per tenere i due corsi; Tedesco I e II anche il prossimo anno verrà insegnato dalla prof.ssa Pantè.

 

I rappresentanti RUN in seno al Consiglio

 

Domenico Salerno

Maila Milazzo

Mattia Li Puma

Emma Grano

Claudio Rallo

Viviana Sinnone

 

 

Attacco al cuore della RunPalermo: bruciata la bandiera

Questa notte, si è consumata una di quelle azioni che fanno male all’associazionismo Universitario:  è stata presa di mira la nostra bandiera, bruciata senza motivo da ignoti; un attacco forte al nostro simbolo, immagine chiara della nostra storia,  delle tante lotte vinte sotto le quali lo abbiamo condotto in questi anni e del nostro modo d’essere . La rabbia è tanta, lo sdegno altrettanto. Non ci lasceremo  intimorire dall’azione becera di chi predica violenza, continueremo per la nostra strada, a dare esempio di cosa voglia dire svolgere una sana attività di rappresentanza studentesca e porsi al servizio degli Studenti, continuando a guardare  con il massimo rispetto al lavoro e alla storia altrui. Con la presente invitiamo chi ha bruciato la nostra bandiera, a fare altrettanto, perchè non serve a nulla difendere i diritti degli studenti se non si esercita il proprio diritto ad essere civili.

 

#IragazzidellaRunPalermo

Questione Cfu seminari: ecco il decreto rettoriale

Come annunciato nella giornata di ieri e dopo un’attento monitoraggio della questione, è arrivato l’atteso Decreto Rettoriale che sana la posizione dei CFU derivanti da seminari, workshop, laboratori e simili che erano stati messi in discussione. Sostanzialmente, come si può leggere nel decreto, vengono legittimate tutte le attività che sono state accreditate e deliberate presso il rispettivo Consiglio di Corso di Studi entro il 9 maggio 2016 anche se tutt’ora in corso di svolgimento (“crediti maturati e maturandi”).

 

Ecco il decreto di sanatoria

 

Run Palermo

Vievere Ateneo

Onda Universitaria

NRG – Nuova Realtà Giovanile

Coordinamento UniAttiva

CFU seminari e attività a scelta, domani tutto sanato

A seguito dell’adunanza del Senato Accademico del 9 maggio 2016 dove veniva respinta la proposta di sanatoria per il riconoscimento di tutte le attività di laboratorio e seminari come “Attività a scelta dello studente nell’ambito dell’art. 10 comma 5 lettera a) del D.M. 270\2004, deliberati dai C.C.S.”, ci siamo sin da subito prodigati nell’attivare un’interlocuzione diretta col prorettore alla didattica, prof.ssa Laura Auteri, informandola dello stato d’agitazione e del malcontento che coinvolgesse un numero ancora indefinito di studenti, i quali rischiavano di vedere sfumare le ormai imminenti sessioni di laurea.

La prof.ssa è stata sin da subito molto disponibile ed ha accolto le nostre richieste. Questa brutta storia sembra  si risolverà per il meglio. Nella mattinata di oggi la stessa, tramite email, ci rassicurava sul buon esito della questione. Nel pomeriggio abbiamo poi saputo che il decreto è già stato predisposto e che sarà firmato nella giornata di domani. Saranno sanate tutte le delibere adottate dai Cds (corsi di studio) fino al 9 maggio, giorno della delibera del Senato Accademico.

 

13173847_10208173408807343_9131997410382588417_n (1)

RUN – Rete Universitaria Nazionale

Onda universitaria

UniAttiva

Vivere Ateneo

Tagliati gli appelli e dimezzata l offerta formativa per il Polo di Agrigento – Rettore contro gli Studenti

Nella giornata di lunedì 9 maggio 2016 si è riunito alle 15:30 il Senato Accademico dell’Università degli Studi di Palermo.
Tanti e importi i punti all’ordine del giorno tra i quali quelli riguardanti l’attivazione dell’offerta formativa 2016/2017 e l’approvazione del calendario didattico 2016/2017.
Notoriamente questi sono tra i temi a cui la popolazione studentesca è più sensibile e che
condizionano il percorso accademico degli studenti .
Per quanto riguarda l’approvazione dell’offerta formativa 2016/2017 il senato una volta esaminata la relativa sostenibilità della stessa e analizzato i vari corsi di laurea nelle loro speficità ha approvato il tutto. Relativamente al Polo Universitario di Agrigento per il prossimo anno accademico i corsi di laurea di Giurisprudenza e Architettura non verranno attivati mentre, il corso di studi in Beni Culturali verrà trasferito sulla sede di Palermo, difatto la componente studentesca tramite i senatori accademici Di Gangi e Bonanno ha assistito al dimezzamento dell’offerta formativa per il polo, nonostante avesse espresso tramite interrogazione forte disappunto e contrarietà.
L’unico obbiettivo che va assolutamente raggiunto è quello di garantire agli iscritti attuali presso il polo di Agrigento, nei corsi di giurisprudenza e architettura, il completamento del proprio percorso di studi presso la medesima sede.
Per quanto riguarda il calendario didattico di Ateneo 201/2017 il rettore tramite un gruppo di lavoro composto dai Professori Serio, Di Lorenzo e Auteri (pro-rettore alla didattica) aveva proposto alla commissione didattica del senato una bozza che prevedeva 6 appelli in totale, così divisi:
1 appello nella pausa didattica di novembre (per i soli studenti FC, Part-time, studenti di ultimo
anno che nell’A.A. 2015/16 erano iscritti all’ultimo anno del proprio CdS)
2 appelli a Gennaio/Febbraio
1 appello nella pausa didattica di Aprile
2 appelli a Giugno/Luglio
1 appello A Settembre
Gli studenti avendo ritenuto la proposta inaccettabile in quanto andava difatto a dimezzare gli appelli al momento esistenti hanno fatto una contro proposta in cui si andavano a mantenere gli appelli oggi esistenti con l’eccezione di un appello di settembre che veniva spostato ad Aprile. Il senato Accademico nella persona del Rettore e della componente docente tramite un colpo di maggioranza e senza tenere conto minimante delle richieste degli studenti, che sono di fatto i reali destinatari del servizio, mette in approvazione una terza proposta cosi articolata :
Per le materie appartenenti al PRIMO SEMESTRE:
•1 appello di esame nella pausa didattica di novembre e prova in itinere obbligatoria per tutti i
primi anni (per i soli studenti FC, Part-time, studenti di ultimo anno che nell’A.A. 2015/16 erano
iscritti all’ultimo anno del proprio CdS)
•3 appelli a Gennaio/Febbraio
•1 appello nella pausa didattica di Aprile
•2 appelli a Giugno/Luglio
•1 appello A Settembre
Per le materie appartenenti al SECONDO SEMESTRE:
•1 appello di esame nella pausa didattica di novembre e prova in itinere obbligatoria per tutti i
primi anni (per i soli studenti FC, Part-time, studenti di ultimo anno che nell’A.A. 2015/16 erano
iscritti all’ultimo anno del proprio CdS)
•2 appelli a Gennaio/Febbraio
•1 appello nella pausa didattica di Aprile
•3 appelli a Giugno/Luglio
•1 appello A Settembre
Risultano 7 appelli in totale per ogni singola materia 3 in meno rispetto all’odierna situazione.
La novità per cosi dire positiva è quella di vincolare le scuole ad una calendarizzazione di esami e lezioni entro e non oltre il 1° Ottobre, per consentire agli studenti di organizzarsi il loro percorso di studi in anticipo.
Come è noto ormai alle cronache la proposta è stata approvata con il voto contrario di tutta la componente studentesca e degli specializzandi.
Il senatore accademico Stefano Di Gangi (RETE UNIVERSITARIA NAZIONALE) e il senatore accademico Giuseppe Bonanno (ONDA UNIVERSITARIA), ribadiscono la loro netta disapprovazione per tutto quello appena richiamato e esprimono la volontà di cercare in qualsiasi modo di cambiare il nuovo stato delle cose, continuano Di Gangi e Bonanno dicendo che l’università dovrebbe garantire a tutti gli studenti di avere a diposizione il maggior numero di possibilità per riuscire a completare il loro percorso di studi in tempo. I destinatari dei servizi dell’università sono gli studenti, non ascoltare la loro voce significa non avere a cuore le loro sorti.
L’università, almeno quella pubblica, oltre a tendere all’efficienza dovrebbe tendere all’efficacia delle proprie decisioni.

RUN – Rete Universitaria Nazionale
Onda Universitaria
Vivere Ateneo
NRG – Nuova Realtà Giovanile
UniAttiva

Unipa dimezza il Polo. Gli studenti dicono no

Nell’odierna seduta di Consiglio di Amministrazione è stata messa in discussione l’offerta formativa, cioè i Corsi di Studio da attivare, per l’anno accademico 2016/2017.

Punto critico è stato quello relativo al Polo di Agrigento che già da tempo vede la Regione Sicilia non più protagonista nel sostegno economico del Polo, la Provincia che si è chiamata fuori dal Consorzio e le spese per il mantenimento dell’attività del Polo a esclusivo carico dell’UniPa e il numero di iscritti che cala ogni anno.

Dopo acceso dibattito, con il voto contrario degli studenti rappresentanti in Consiglio, è stata deliberata l’offerta formativa 2016/2017 che per il prossimo anno non prevederà l’attivazione dei Canali di Giurisprudenza e Architettura presso il Polo di Agrigento.

Riteniamo che questa sia una sconfitta, oltre che per la Regione, anche per il nostro Ateneo che negli anni ha assistito inerte al decremento del numero di iscritti presso il Polo senza prendere provvedimenti sull’attrattività dei corsi di studio attivati ad Agrigento. Siamo sicuri, infatti, che un progressivo miglioramento dell’offerta formativa e dei piani di studio dei Corsi/Canali incardinati ad Agrigento avrebbe portato ad un aumento del numero di iscritti e dunque un processo virtusuo che avrebbe portato ad un conseguente aumento delle entrate in termini di tasse e di finanziamento pubblico da parte del Ministero.